Quadri e disegni di Jacopo Fo in vendita Quadri, tele e bozzetti di Dario Fo in vendita
A+ A A-

- Voler mitigare la povertà senza mitigare la ricchezza è ipocrisia
- La sostenibilità come programma di sopravvivenza
- I ceti dei consumatori globali, degli imprenditori e degli investitori sono chiamati a cedere  alla natura e a chi sta peggio nel mondo una parte del loro potere in termini di capitale e confort. Se non lo faranno, resterà ben poco di  ciò che ora rende la loro posizione così desiderabile.

(Marco Morosini, analista ambientale, Politecnico di Zurigo)

Carissimi,
vi presentiamo oggi la versione italiana di un libro che sta cambiando la Germania: “Futuro sostenibile. Le risposte eco-sociali alle crisi in Europa”. Questo nuovo studio di Wolfgang Sachs e del Wuppertal Institut fa parte della campagna “Germania capace di futuro” condotta dal 1996 dal BUND – la principale organizzazione ambientalista tedesca – dalla Chiesa cattolica e, dal 2008, dalla Chiesa evangelica, per proporre riforme politiche, sociali, economiche, tecnologiche e degli stili di vita che rendano la Germania socialmente e ecologicamente sostenibile secondo principi di equità globale.
La versione italiana, finanziata tra gli altri da Banca Etica, ACLI, Caritas, CISL, ARCI e Legambiente, è stata adattata al nostro paese togliendo i riferimenti alla Germania e aggiungendo riferimenti all’Italia e all’Europa nonché note e bibliografia aggiornate al 2011.
Le riforme proposte da Wolfgang Sachs e dai 30 autori dello studio potrebbero impegnare i governi di un paese europeo per le prossime due generazioni e rispondono a una domanda sempre più drammatica: come ospitare degnamente gli abitanti della Terra senza stravolgere gli equilibri ecologici su cui si fondano l’alimentazione, il benessere e l’intera economia?
Sia la prima edizione dello studio (1996) sia la seconda (2008) hanno venduto in Germania 30.000 copie e sono state lo strumento di una campagna che ha notevolmente influenzato il dibattito nella società e la prassi politica.


Per l’equità globale: “una società da 2000 watt”
Oltre ad alcune idee guida per una società sostenibile e a molti esempi di buone pratiche di sostenibilità già in atto, lo studio “Futuro sostenibile” di Wolfgang Sachs e del Wuppertal Institut propone riforme a tre livelli: i comportamenti individuali, la società e l’economia nazionale, la politica e l’economia mondiale.
“Chi acquista in modo  oculato - scrive Sachs - presterà attenzione, al di là del prezzo, alla qualità ecologica  e sociale dei prodotti. Chi si sente cittadino anche nelle sue scelte  di consumatore farà sì che i suoi acquisti contribuiscano sia a tutelare l’ambiente sia a promuovere la solidarietà verso coloro che vivono peggio.”
Per esempio: “La signora Rossi si sveglia al suono della radiosveglia (emissione di CO2: 22 g/giorno). Accende la luce (0.3 kg) e saluta l’inverno nel tepore domestico (10 kg). Si lava i denti con lo spazzolino elettrico (48 g), fa la doccia (2.9 kg), fa bollire l’acqua per il tè (138 g). Percorre in auto otto chilometri (3.6 kg) e a pranzo si mangia una bella bistecca di manzo (1.3 kg di CO2). E per dessert, fragole dal Sudafrica (11 kg). Tornata a casa fa il bucato (1 kg) e lo mette nell’asciugatrice (2.3 kg), accende la lavastoviglie (870 g), usa l’aspirapolvere per dieci minuti (100 g) e guarda la televisione (40 g). La televisione e il lettore Dvd sono in modalità standby (150 g). Quando la signora Rossi va a letto, ha emesso in totale ben 38 kg di CO2. Senza apportare grandi modifiche alla sua vita, potrebbe ridurre di un terzo le sue emissioni di CO2, per esempio optando per la carne di maiale nazionale, facendo asciugare i panni all’aria, scegliendo frutta di stagione e utilizzando elettricità ecologica.”
Le scelte individuali però non bastano se non si cambia la politica industriale: “Una flotta di automobili in cui tecnicamente i veicoli non possono superare i 120  km/h necessita molto meno carburante e consente altre soluzioni per materiali, peso, attrezzature di sicurezza o progetto della forma; si tratta dunque di una nuova generazione di tecnologia automobilistica. Similmente, si possono progettare treni non più veloci di 200 km/h, soglia oltre la quale il consumo d’energia aumenta oltre misura. Nel progetto di veicoli avvedutamente motorizzati l’utopia del XXI secolo di vivere con eleganza entro limiti naturali trova così  la sua nuova espressione tecnologica.  C’è più futuro nello Zeppelin che nell’Airbus A-380.”
Una nuova politica industriale deve affrontare in modo globalmente equo prima di tutto il tema dell’energia, mirando a dimezzare in Italia entro il 2050 l’uso d’energia primaria e a soddisfare il rimanente fabbisogno quasi esclusivamente con energie rinnovabili. Come già deciso nel 2002 dal governo elvetico per la Svizzera, l’obiettivo è una “società da 2000 watt”, in cui l’uso d’energia primaria sia ridotto all’attuale uso medio mondiale di 1,5 tonnellate equivalenti di petrolio (tep) pro capite, pari a un flusso continuo pro capite di 2000 watt di potenza; il nostro consumo medio attuale è di 3 tep, pari a 4000 watt; quello negli USA, di 8 tep (11000 watt).
Riforma fiscale ecologica, regionalizzazione e regolazione dell’economia, rafforzamento dello stato sociale e dei servizi pubblici, reddito di cittadinanza: sono queste alcune delle proposte a livello nazionale. Una riforma dell’Organizzazione mondiale del commercio che includa nelle sue regole standard sociali e ambientali e la creazione di una Organizzazione internazionale dell’ambiente sono le proposte per avviare una “politica interna della Terra”.

Biografie

Wolfgang Sachs, autore di numerosi libri e direttore della sede di Berlino del Wuppertal Institut, ha studiato sociologia e teologia cattolica.  Ha insegnato all’Università di Pennsylvania, è docente allo Schumacher College, professore onorario alla Università di Kassel, collaboratore dell’Ipcc, membro del Club of Rome. Ha curato Il dizionario dello sviluppo (Ega, 2004), un classico degli studi sulla sostenibilità e la giustizia sociale. Tra i suoi titoli più recenti in italiano: Per un futuro equo (Feltrinelli, 2007), Ambiente e giustizia sociale (Editori Riuniti, 2002) e Futuro sostenibile – Riconversione ecologica. Nord-Sud, nuovi stili di vita (Emi, 1997).

Marco Morosini, analista ambientale al Politecnico federale di Zurigo, ha studiato ecotossicologia e chimica analitica ambientale. E' stato direttore di progetto alla TA-Akademie (Center of Technology Assessment) di Stoccarda, dove ha pubblicato un manuale in tre volumi sugli indicatori di sviluppo sostenibile (Umweltindikatoren und nachhaltige Entwicklung, 2001-2002). Ha curato “Futuro sostenibile” (EMI, 1997). Sullo sviluppo sostenibile ha realizzato documentari televisivi, scritto testi per il teatro e tenuto una rubrica nella pagina “Ethical living” del settimanale Internazionale.

 

Per acquistare il libro direttamente online clicca qui

Published in LIBRI
Written by
Read more...

Un antidoto gratuito, naturale e senza effetti collaterali contro influenza, raffreddore e malattie respiratorie è la meditazione. Lo sostiene un nuovo studio condotto dai ricercatori della University of Wisconsin-Madison su 154 persone suddivise in tre gruppi e monitorate per 8 settimane.
Chi aveva fatto meditazione si è assentato dal lavoro mediamente il 76% in meno del gruppo di controllo (che non aveva fatto nulla). Un terzo gruppo invece ha fatto normale esercizio fisico, facendo registrare una diminuzione delle assenze del 40%.
Il segreto è far raggiungere la pace dei sensi ai virus.
Lo studio, coordinato dal professor Bruce Barrett, è stato pubblicato su Annals of Family Medicine.
(Fonte: Greenme)

Published in SALUTE
Written by
Read more...

La Regione Veneto ha finanziato il costo di 9 defibrillatori automatici esterni per la prevenzione dei decessi per arresto cardiaco sulle Alpi. Nell'ambito del "Progetto rifugio sicuro" sono stati istruiti i gestori e i collaboratori dei rifugi Auronzo, Calvi, Carestiato, Città di Fiume, Dal Piaz, Nuvolau, Papa, Tissi e Vandell, dove il macchinario è a disposizione da quest'estate.
(Fonte Montagne360, rivista del Club Alpino italiano, novembre 2012)
Davide Calabria

Published in SALUTE
Written by
Read more...

Secondo uno studio condotto dalla Emory University di Atlanta su 3.000 persone per 10 anni, chi ha un atteggiamento mentale positivo verso la propria salute e la propria vita ha il 60% in meno di probabilità di ammalarsi in modo grave o morire prematuramente. La spiegazione sarebbe che gli insoddisfatti fumano di più, bevono di più, si muovono di meno.
Un pensiero al 6% di partecipanti deceduti durante lo studio.
(Fonte: Buonenotizie.it)

Published in SALUTE
Written by
Read more...

Il ministro francese con delega per gli anziani, la signora Michèle Delaunay, ha contattato il noto designer Philippe Starck per disegnare dei nuovi deambulatori che siano sicuri, pratici e che non mettano a disagio chi li usa. Insomma, qualcosa di meno mortificante (parole del ministro!).
Starck, che nella sua carriera ha disegnato oggetti di qualsiasi tipo, ha proposto anche un sistema d'allarme da posizionare al collo degli anziani che si attivi in caso di caduta. Gli anziani hanno risposto che preferiscono rimanere fermi.
(Fonte: Corriere.it, segnalata da Davide Calabria)

Published in SALUTE
Written by
Read more...

Secondo dati pubblicati sul Corriere.it in Italia ci sono 66.000 detenuti stipati in strutture con una capienza di 45.000 posti. Se espiano tutta la loro condanna in carcere, senza attività di alcun genere, 7 su 10 tornano a commettere reati. Se invece durante la pena lavorano o fanno corsi di formazione solo il 12-19% ricade nella delinquenza.
Facendo lavorare i detenuti lo Stato risparmierebbe qualcosa come 35 milioni di euro all'anno (140 euro al giorno il costo del mantenimento di un carcerato).
Il titolo della notizia è rubato (!) da un libro di Pietro Raitano, direttore di Altreconomia, che a noi è piaciuto tantissimo e che racconta appunto storie di prodotti “Made in carcere”. Un libro che vale la pena di leggere!

Published in BUONE NOTIZIE
Written by
Read more...

Lo rivela l'ultimo rapporto dell'Unicef “Progress Report 2012 on Committing to Child Survival” secondo cui dal 1990 al 2011 la mortalità infantile mondiale (bimbi sotto i 5 anni di età) è scesa da 12 milioni a 6,9 milioni. Ogni giorno sopravvivono circa 14.000 bambini in più rispetto a vent’anni fa.
Quattro Paesi: Laos, Timor-Est, Liberia e Bangladesh fanno registrare una riduzione della mortalità di due terzi, il Laos arriva addirittura a -72% (per fare un confronto l'Africa subsahariana è a -39%).
(Fonte: Buonenotizie.it)

Published in SALUTE
Written by
Read more...

In Francia le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare bambini a partire dal primo semestre 2013. L'annuncio è del primo ministro Jean-Marc Ayrault e conferma una delle grandi promesse elettorali del neopresidente Francois Hollande.
“Allo stato attuale, - scrive Corriere.it - due persone aventi lo stesso sesso possono accedere all'istituto del matrimonio nei Paesi Bassi, in Belgio, Spagna, Portogallo, Canada, Sudafrica, Svezia, Norvegia, Danimarca, Islanda, Argentina, Messico (solo nella capitale), nel distretto di Washington DC e in 6 Stati USA: Massachusetts, Connecticut, Iowa, Vermont, New Hampshire e New York. E ovviamente su Facebook!

Published in BUONE NOTIZIE
Written by
Read more...

Per la prima volta una ragazza, 18 anni, è riuscita a ottenere dal Tribunale l'annullamento legale di un matrimonio combinato. Quando Laxmi aveva appena un anno i genitori l'avevano data in moglie a un bambino di tre anni.
I matrimoni combinati in India sono diventati illegali ma vengono ancora praticati in molte zone.
(Fonte: TgCom)

Published in BUONE NOTIZIE
Written by
Read more...

Come ogni anno in occasione della Giornata mondiale della donna vengono pubblicati una quantità industriale di dati e informazioni: è scientificamente dimostrato, ad esempio, che le aziende con più donne ai vertici hanno una probabilità minore di entrare in crisi e di fallire. A sostenerlo è Annamaria Tarantola, vicedirettore generale della Banca d’Italia, secondo cui se la Lehman Brothers si fosse chiamata Lehman Sisters le cose sarebbero andate diversamente.
Daniela Del Boca, economista del Collegio Carlo Alberto di Torino, aggiunge: “Se le donne raggiungessero i livelli di occupazione degli uomini gli aumenti del Pil sarebbero del 13% nell’Eurozona e del 22% in Italia”.
(Fonte: LaStampa)

Published in BUONE NOTIZIE
Written by
Read more...

 Ads

Iscriviti alle newsletter di CACAO

E' gratis! Inserisci il tuo indirizzo e-mail nei box qui sotto
 
Iscriviti a Cacao Il Quotidiano delle buone notizie comiche

Iscriviti - cancella



Iscriviti a Cacao della domenica


Iscriviti - cancella

 

 

Leggi la Privacy

Vacanze benessere!

I Video di Alcatraz Channel

Tutti i video della Libera Università di Alcatraz

Comitato Nobel per i disabili Onlus

Nuovo Comitato Il Nobel per i Disabili Onlus
FAI UNA DONAZIONE AL COMITATO

Bonifico Bancario - Vaglia Postale

Ecovillaggio Solare di Alcatraz

 Ecovillaggio Solare di Alcatraz
Vicino ad Alcatraz, in Umbria, stiamo costruendo un ecovillaggio immerso in una valle meravigliosa, silenziosa e incontaminata. Scopri qui il progetto

SITI AFFILIATI AL NOSTRO CIRCUITO

Cacao - Quotidiano di buone notizie comiche:
www.cacaonline.it

Merci Dolci srl:
www.commercioetico.it
www.mercidolci.it
www.energiaarcobaleno.com

Eleonora Albanese:
www.eleonoraalbanese.it

Cacao è una testata giornalistica regolarmente registrata presso il Trib. di Perugia Aut. n° 634 del 21/06/1982
Redazione:
Jacopo Fo, Simone Canova, Gabriella Canova, Maria Cristina Dalbosco
E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Domain Register: Associazione Cacao Libera Università di Alcatraz, S. Cristina di Gubbio 53, 06020 (PG) - PI: 00729540542