Progetto Tell Me Alfabetizzazione dei migranti attraverso il teatro
A+ A A-

Allattamento yoga

Carlee Benear è una ragazza texana appassionata di yoga che ha praticato anche durante la gravidanza per mantenersi in forma. Dopo il parto ha pensato bene di non smettere anche durante l’allattamento e come potete vedere dalle immagini la sua bimba non sembra preoccuparsi più di tanto.
Purché si mangi ogni posizione è buona.
(fonte: instagram.com/carleebyoga)

Published in BUONE NOTIZIE

Allatta qui!

Il Consiglio regionale del Piemonte ha chiesto ai responsabili dei propri uffici di favorire con ogni mezzo l’allattamento materno con l’apertura di “spazi mamma” nei propri uffici e non solo per le dipendenti ma anche per le donne che si trovano a passare dagli uffici.
La decisione era diventata urgente quando quest’inverno all’ufficio postale di Biella una donna fu allontanata dall’ufficio postale perché stava allattando il proprio figlio al seno. E il giorno successivo la sede postale venne assediata da giovani donne con i bimbi nel passeggino, in fascia o marsupio!
In Piemonte le donne che scelgono l'allattamento al seno è quasi raddoppiato negli ultimi 15 anni.
(Fonte: Ansa.it)

Published in BUONE NOTIZIE

Mammeonline.it, essere donna, diventare mamma

Dopo Mamma Chimica e Mamme Zen, in questo Cacao del sabato iniziamo una nuova collaborazione con la redazione di Mammeonline. Qui il primo articolo, si parla di allattamento e rientri al lavoro.
Molte mamme che allattano pensano di dover staccare il bambino dal seno quando devono rientrare a lavoro (o riprendere altre attività fuori casa come lo studio). In realtà l'allattamento si può assolutamente conciliare col lavoro, dando così la possibilità di continuare a godere dei suoi benefici sia per la madre che per il bambino.
Buona lettura!

Allattamento al seno e rientro al lavoro: sono conciliabili?
I dubbi delle mamme che lavorano e le risposte della nostra consulente IBCLC Martina Carabetta

Quando una mamma allatta, chiaramente è necessaria la sua presenza fisica. Una mamma che fa allattamento esclusivo a richiesta, probabilmente non si è mai separata dal suo bambino o lo ha fatto per brevi periodi.
Ci sono anche mamme che gestiscono la separazione dal bambino cercando di renderla il più breve possibile, e tirando il latte in modo da avere il buon lattuccio pronto se il pupo avesse fame in loro assenza.
E' settembre, molte mamme, forse anche tu, sono alle prese con l'inserimento al nido o alla materna. Cosa succede se si sta allattando?
Molte mamme pensano che si debba anticipare l'introduzione dei cibi solidi, o diradare le poppate, o addirittura smettere di allattare, altrimenti l'inserimento sarà complicato, o che comunque l'allattamento non sia compatibile con la separazione dal bambino.
Diverse mamme mi contattano per sapere come staccare il bambino o diminuire la produzione perché hanno detto loro che mandare un bambino ancora allattato sarà ingestibile.

Naturalmente niente di questo è vero.
Dopo mesi di allattamento, ogni mamma sa che dare il seno è una cosa molto più completa e complessa che "alimentare" un figlio. Allattare è una cosa a 360°. Attraverso il seno i bambini ricevono certo cibo ma anche protezione, conforto e presenza attiva della mamma. Il mondo si conosce sbirciando da una tetta, nei primi mesi! Un bimbo piccolo è tutt'altro che indipendente. Anche se ha 3 anni o più, e ha sicuramente molte più competenze e capacità di risolvere da solo alcune piccole "sfide" quotidiane rispetto a un neonato, certo non è un uomo o una donna bell'e fatto che esce da solo con gli amici! Ancora vive in una fase della vita in cui la madre è una figura di riferimento sostanziale e insostituibile. Stare un certo numero di ore lontano da lei non è quindi solo un "problema di allattamento".
Semmai, per me l'allattamento è una "soluzione", nel senso che se il bambino ancora poppa, è un modo per darsi il bentornato molto facilmente, per dare tempo e attenzioni e coccole senza troppa fatica, e un po' per tutti i motivi validi anche per una madre che lavora e che vi ho già spiegato in uno dei miei video.
Alcune persone potrebbero dire che è meglio iniziare a staccare il bambino prima dell'inserimento al nido, per iniziare ad "abituarlo". Quanto più piccolo è il bambino, tanto più questo consiglio è insensato.
Un bambino piccolo intanto non ha delle necessità biologiche e una percezione del tempo uguali a quelle di un adulto, e non è in grado di "anticipare" ed "abituarsi" così facilmente a degli avvenimenti semplicemente perché già glieli abbiamo fatti vivere prima.

Un bimbo piccolo è tutto nel "qui e ora".
Inoltre, e in particolare se è nei primi 6 mesi, dovrebbe prendere solo latte materno, e quindi sostituire delle poppate diventa un problema:
- se le poppate vengono sostituite con alimenti diversi dal latte materno, perché si toglie la cosa ottimale e perfetta per lui, con qualcosa che è un sostituto inferiore
- perché c'è il rischio che la produzione di latte diminuisca se la mamma non si tira il latte
- se le poppate vengono sostituite con latte materno tirato e offerto da un'altra persona, perché la mamma è costretta a complicarsi la vita e passare del tempo con il tiralatte piuttosto che col suo cucciolo (inoltre alcune mamme non si trovano bene a tirare il latte e fanno fatica a ottenere la quantità che invece il bambino prende serenamente da sé in pochi minuti)
L'inserimento all'asilo non sarà più semplice se il bimbo non è allattato, ma solo se verrà gestito in modo graduale e rispettoso dell'età, necessità e tempi di ogni singolo bambino. E poi dipende anche dal carattere di ogni singolo bambino.
Per fare questo ci vuole tempo e pazienza, e pure comprensione, empatia ed accoglimento anche verso i momenti di disagio, rabbia o disorientamento che molti bambini mostrano quando avviene questo grande cambiamento nella loro vita.
Un bambino che piange quando la mamma va via, non è "troppo appiccicato" perché allattato, ma è un bambino che dimostra una sana relazione di attaccamento verso la sua figura genitoriale primaria! Indipendentemente dal fatto che prenda il seno o meno...
Allattare ci permette di dimostrargli il nostro amore, ancora, anche quando inizia una nuova fase della sua crescita.

Martina Carabetta, IBCLC

Published in BUONE NOTIZIE

 Ads

Iscriviti alle newsletter di CACAO

E' gratis! Inserisci il tuo indirizzo e-mail nei box qui sotto
 
Iscriviti a Cacao Il Quotidiano delle buone notizie comiche

Iscriviti - cancella



Iscriviti a Cacao della domenica


Iscriviti - cancella

 

 

Leggi la Privacy

Vacanze benessere!

I Video di Alcatraz Channel

Tutti i video della Libera Università di Alcatraz

Comitato Nobel per i disabili Onlus

Nuovo Comitato Il Nobel per i Disabili Onlus
FAI UNA DONAZIONE AL COMITATO

Bonifico Bancario - Vaglia Postale

Ecovillaggio Solare di Alcatraz

 Ecovillaggio Solare di Alcatraz
Vicino ad Alcatraz, in Umbria, stiamo costruendo un ecovillaggio immerso in una valle meravigliosa, silenziosa e incontaminata. Scopri qui il progetto

SITI AFFILIATI AL NOSTRO CIRCUITO

Cacao - Quotidiano di buone notizie comiche:
www.cacaonline.it

Merci Dolci srl:
www.commercioetico.it
www.mercidolci.it
www.energiaarcobaleno.com

Eleonora Albanese:
www.eleonoraalbanese.it

Cacao è una testata giornalistica regolarmente registrata presso il Trib. di Perugia Aut. n° 634 del 21/06/1982
Redazione:
Jacopo Fo, Simone Canova, Gabriella Canova, Maria Cristina Dalbosco
E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Domain Register: Associazione Cacao Libera Università di Alcatraz, S. Cristina di Gubbio 53, 06020 (PG) - PI: 00729540542