Festival EcoFuturo 2017 Padova

Quadri, tele e bozzetti di Dario Fo in vendita
A+ A A-

Carissimi, questa settimana vi presentiamo il nuovo libro di Dario Fo, Razza di zingaro, che racconta la storia sconosciuta di Johann Trollmann, un pugile tedesco di etnia sinti, vissuto dal 1907 al 1943.
Fin da bambino Trollmann si rivela uno strepitoso talento naturale a cui però, nonostante le vittorie, sarà impedito di rappresentare la Germania alle Olimpiadi del 1938.
Il giovane Johann fu il primo a dimostrare che, come tutti gli sport, anche il pugilato può diventare cultura e persino arte.
La sua sfortuna è stata quella di vivere in un periodo storico veramente terribile. Il nazismo lo condannerà al campo di concentramento e l’ultimo match che combatterà sarà contro il Kapò. “Quando viene sfidato sa perfettamente che se sconfiggerà il suo aguzzino, questi lo manderà a morte. Eppure fino all’ultimo non rinuncia a difendere il suo modo di essere”.
Una storia incredibile e bellissima, quella di Johann, che Dario racconta come in un romanzo, e disegna come solo lui sa fare.
Vi riportiamo qui le prime pagine del libro. Buona lettura.

La prima volta sul ring
Nel 1914, nella Germania del Nord, ad Hannover, un ragazzino di otto anni di nome Johann Trollmann accompagna un amico di un anno più grande di lui all’allenamento di boxe nella palestra della scuola secondaria del loro rione. È la prima volta che gli capita di assistere a un’esibizione del genere. Aveva fatto sì a pugni qualche volta con ragazzini della sua età, e in verità non si era assolutamente divertito, anche perché gli era arrivato un pugno proprio sotto l’occhio e un altro all’altezza dell’orecchio, per cui, per tutta una giornata, aveva continuato a lamentare strani fischi e vertigini.
In occasione della visita alla palestra osserva i ragazzi salire su una pedana molto grande e affrontarsi con le mani coperte da guantoni, nel tentativo di colpirsi dalla testa a tutto il tronco. Si schivano, roteano uno intorno all’altro, e poi all’improvviso tempestano il rivale di pugni. I ragazzi della palestra che assistono incitano e commentano spesso con applausi e anche con risate, mentre il maestro di pugilato, muovendosi a ridosso dei due allievi, lancia ordini su come comportarsi:
«Prendete fiato! Respirate col naso, non con la bocca! Muoversi con le gambe! Le gambe fanno la differenza fra un buon pugile e una schiappa! Stop, da capo! Non restate sempre col braccio sinistro teso, cambiate l’appoggio e la posizione! Indietreggiate, ma subito tornate all’attacco! No, no, senza foga, leggeri, come in un gioco!».
Alla fine dell’allenamento tutti i ragazzi vanno in un’altra stanza dove ci sono le docce. È un rito che evidentemente li diverte molto e li scarica dalla tensione. Scherzano, sghignazzano, si prendono in giro l’un l’altro.
Quando Johann si trova di nuovo col suo amico esclama:
«Che bello questo sport! Mi sono divertito come un pazzo. Potrei iscrivermi anch’io a questa scuola?».
E l’amico: «Certo, lo possiamo chiedere subito all’allenatore».
Johann viene presentato al maestro, che gli dà un’occhiata mentre gli afferra le braccia e le tasta risalendo fino alle spalle e al collo. Dopodiché gli prende un polso e lo costringe a girare, prima da un lato, e poi a volteggiare su se stesso. Quindi, indicando il suo ufficio, gli dice: «Vieni con me. Può venire anche Franz, il tuo amico. Domani mattina ci sarà il medico che ti farà una breve visita: al cuore, ai polmoni eccetera. Qui poi c’è un documento, in settimana tuo padre deve venire a firmarlo».
E da quel momento la vita di Johann cambia completamente. (...)
PER ACQUISTARE IL LIBRO ON LINE CLICCA QUI

Published in LIBRI

La scoperta dell’abbraccio caldo

A lanciare il messaggio che un abbraccio vero è più efficace di un bacio via smartphone è un'azienda telefonica thailandese. Lo spot della DTAC racconta di un papà lasciato solo con una neonata disperata, nel tentativo, fallito, di consolarla attraverso un cartone animato e il messaggio di mamma dal supermercato, tutto via smartphone. Ma poi si vede il padre che ha un’intuizione geniale, gli si accende una lampadina... suspence, si capisce che sta per accadere qualcosa, lui lentamente si avvicina alla piccola e la prende in braccio, mentre la mamma dal supermercato si asciuga una lacrimuccia di commozione per tanto genio di marito.
Chiamate i servizi sociali!
(Fonte: Repubblica.it)

Published in FATTI UNA RISATA

New entry bestiali

Avvistato in Messico un rarissimo esemplare di Grimpoteuthis bathynectes, un polpo con le orecchie. Gli amici lo chiamano il Dumbo degli abissi.
VIDEO

Published in SCIENZA E TECNOLOGIA

A scuola in mezzo al bosco

In Danimarca esistono dagli anni '50, ce ne sono in Germania e Svizzera, e qualcosa inizia a muoversi anche in Italia. Sono le scuole all'aperto, un modo diverso di intendere l'insegnamento e l'apprendimento, che avviene mediante l’esperienza diretta e il contatto con la natura. In più fare scuola in mezzo a un bosco aumenta le difese immunitarie dei bambini e li rende mentalmente più attivi.
A Langnau am Albis, un comune del cantone di Zurigo, in Svizzera, i bambini tra i 5 e i 7 anni vanno in una scuola pubblica in mezzo al bosco sia che fuori ci sia il sole, sia che sia pioggia o neve. Così imparano le stagioni...
Nel video sotto un esempio di scuola nel bosco italiano: siamo in Emilia Romagna.

http://lascuolanelbosco.fondazionevillaghigi.it/

Published in ECO-NEWS

Buon Natale dalla solare Rjukan!

Fino a qualche settimana fa in questo paese della Norvegia, a 80 km da Oslo, il sole arrivava per soli 6 mesi all'anno. Il resto dell'anno buio.
Questo Natale sarà il primo alla luce del Sole, grazie a tre enormi specchi installati da qualche settimana a 400 metri di altezza sulla montagna che sovrasta la valle e mossi da un super-computer che calcola l'incidenza dei raggi solari e li proietta sulla cittadina. Tutto l'impianto, ovviamente, è alimentato da pannelli fotovoltaici.
Nel 2015, grazie a questa tecnologia che esperti di tutto il mondo stanno andando a studiare, Rjukan potrebbe entrare nella lista dei siti protetti dell’Unesco.
(Fonte: Ansa Ambiente)

Published in ECO-NEWS

 Ads

Iscriviti alle newsletter di CACAO

E' gratis! Inserisci il tuo indirizzo e-mail nei box qui sotto
 
Iscriviti a Cacao Il Quotidiano delle buone notizie comiche

Iscriviti - cancella



Iscriviti a Cacao della domenica


Iscriviti - cancella

 

 

Leggi la Privacy

Vacanze benessere!

I Video di Alcatraz Channel

Tutti i video della Libera Università di Alcatraz

Comitato Nobel per i disabili Onlus

Nuovo Comitato Il Nobel per i Disabili Onlus
FAI UNA DONAZIONE AL COMITATO

Bonifico Bancario - Vaglia Postale

Ecovillaggio Solare di Alcatraz

 Ecovillaggio Solare di Alcatraz
Vicino ad Alcatraz, in Umbria, stiamo costruendo un ecovillaggio immerso in una valle meravigliosa, silenziosa e incontaminata. Scopri qui il progetto

SITI AFFILIATI AL NOSTRO CIRCUITO

Cacao - Quotidiano di buone notizie comiche:
www.cacaonline.it

Merci Dolci srl:
www.commercioetico.it
www.mercidolci.it
www.energiaarcobaleno.com

Eleonora Albanese:
www.eleonoraalbanese.it

Cacao è una testata giornalistica regolarmente registrata presso il Trib. di Perugia Aut. n° 634 del 21/06/1982
Redazione:
Jacopo Fo, Simone Canova, Gabriella Canova, Maria Cristina Dalbosco
E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Domain Register: Associazione Cacao Libera Università di Alcatraz, S. Cristina di Gubbio 53, 06020 (PG) - PI: 00729540542