Cacao va in pausa estiva. Torniamo lunedì 3 settembre 2018.
Buona estate, buone vacanze, buona fortuna a tutti!!!

Progetto Tell Me Alfabetizzazione dei migranti attraverso il teatro
A+ A A-

Tutte le notizie di Salute e Benessere pubblicate su Cacao

Children categories

MAMMA CHIMICA (21)

Sara Alberghini, Mamma Chimica

Rubrica a cura di Sara Alberghini, abitante dell'Ecovillaggio Solare di Alcatraz, mamma ed esperta di chimica...
Vuoi conoscere Mamma Chimica? L'abbiamo intervistata

View items...

MAMME ZEN (5)

La rubrica Mamme Zen è a cura di Federica Morrone, giornalista, scrittrice, mamma... Buona lettura!

View items...

Si chiama Fauja Singh, ha 101 anni ed è il più vecchio maratoneta del mondo. Con in testa l’immancabile turbante sikh ha partecipato alla sua ultima corsa ad Hong Kong. E’ risultato il primo della sua categoria. (Fonte: Repubblica)

Published in SALUTE
Written by
Read more...

Carissimi,
questa settimana vi parliamo di un nuovo prodotto di Commercioetico.it: l’essiccatore.
Come abbiamo potuto farne a meno fino ad oggi?
Ci piace l’idea di farci le cose in casa: finora ci eravamo scatenati con le solite marmellate e salse, senza tralasciare il pane – con uno scambio di vasetti di pasta madre … che neanche con le figurine Panini! Adesso secchiamo qualsiasi cosa, tanto che i miei gatti sono molto preoccupati: hai visto mai che mi venga in mente di infilare anche uno di loro in un vassoio per qualche ora e ne esca il famoso “micio disidratato”?!
E poi l’essiccatore è perfetto per i nostri amici vegani, che possono così conservare le verdure estive senza perderne colore, aroma e componenti nutrizionali.
Abbiamo poi scoperto anche un blog: http://essiccare.com/ dove si possono trovare centinaia di consigli utili e ricette molto interessanti. Per esempio, trovo straordinaria l’idea di mettere a essiccare qualche fettina di mela spolverata con la cannella, una goduria incredibile da usare come snack quando si ha voglia di qualcosa di dolce senza dover per forza scomodare Ambrogio. Non mettete zucchero, ché l’essiccazione già concentra gli zuccheri delle mele, altrimenti diventa tutto troppo stucchevole… Quindi, uno spuntino che non crea nessun senso di colpa!
Una genialata, ‘sta essiccazione. Mi sento già più magra. E se non vi piacciono i dolci (ohhh… povera me), potete fare lo stesso procedimento con le zucchine cosparse di curry, fatene un bel po’ e mettetele a conservare in un barattolo dentro la dispensa, durano fino a un anno… durerebbero, se non fossero troppo buone.
Un’altra soluzione ottimale per la conservazione consiste nel mantenere i prodotti in un sacchetto di carta come quelli utilizzati per il pane, a sua volta contenuto in un sacchetto di plastica (del tipo usato per il congelamento). Il sacchetto di carta proteggerà dalla luce, mentre il sacchetto di plastica impedirà l'ingresso dell'umidità dell'aria.
Non vi sto qui a tediare su tutte le caratteristiche tecniche, su cosa e come essiccare: trovate tutto nel pdf qui.

Tutti conoscono e hanno assaggiato i pomodori secchi e i funghi essiccati: ebbene, abbiamo scoperto che si possono ‘fare secche’ davvero un sacco di cose: frutta, ortaggi, erbe aromatiche ma anche carne e pesce.
Parliamo per esempio di peperoni, cito dal blog:
“Di seguito una strepitosa proposta dalla Piccola Casa di Massimiliano….
Salsa con peperoni secchi e pecorino:

    100 grammi di peperoni secchi (più gialli che rossi)
    50 grammi di pecorino stagionato e grattugiato
    Un cucchiaio di granella di mandorle
    Olio extra vergine di oliva
    Sale

Per prima cosa io ho preparato i peperoni secchi, tagliandoli prima a metà, levando torsolo e semi e quindi poi a pezzetti, li ho stesi nei cestelli dell’essiccatore e utilizzato il programma 2 (funghi) per circa 16 ore.
Ne ho quindi presi un po’, circa 100 grammi, tenendo in maggioranza quelli gialli per avere un colore arancione, e li ho frullati con la granella di mandorle, il pecorino grattugiato e poco olio, ho poi aggiunto ancora olio a filo sino ad ottenere la consistenza cremosa desiderata, aggiustato di sale, rimescolato.”

Questa salsa è ottima per accompagnare della carne, ma anche dei crostini buonissimi! E che dire di una pasta corta?
Arrivate tardi alla sera dal lavoro? Nessun problema, un barattolo di peperoni secchi e poco altro et voilà, fate la vostra porca figura anche con la suocera, che imprudentemente avevate invitato a cena in un giorno feriale.
E si essicca di notte, nei fine settimana… quando l’energia costa poco e comunque lui, che è bravo, consuma pochissimo.
Insomma, buona essiccazione a tutti!

Per acquistare gli essiccatori su Commercioetico.it clicca qui

Published in SALUTE
Written by
Read more...

Il Cialis, farmaco con effetti simili al Viagra, ha compiuto 10 anni il 13 febbraio. Secondo il rapporto Osmed, nel 2011 il tadalafil, principio attivo del Cialis è stato il primo per spesa nella categoria dei farmaci di fascia C acquistati privatamente, con 0,8 dosi al giorno prescritte ogni mille abitanti e 135,7 milioni di euro di spesa annua, in crescita del 10% rispetto all'anno precedente.
(Fonte: Ansa)

 

 

 

Published in SALUTE
Written by
Read more...

“Stranamente” nessun media ha riportato la notizia, ma nella Gazzetta Ufficiale n. 33 dell'8-2-2013 sono stati finalmente permessi i medicinali di origine vegetale a base di Cannabis (sostanze e preparazioni vegetali, inclusi estratti e tinture).
Scrive Ecquologia: “In Italia, si apre quindi la strada per la fornitura di medicinali a base di Cannabis e questo decreto legge è la conferma delle proprietà medicinali di questa pianta miracolosa”.

Published in SALUTE
Written by
Read more...

Cure gratuite per 1,2 milioni di donne incinte, madri e bambini di meno di cinque anni di età in Sierra Leone. Tutto ciò grazie a una sovvenzione triennale di 24,2 milioni di euro da parte dell’Unione Europea.
(Fonte: Misna.org, segnalata da Daniele I.)

Published in SALUTE
Written by
Read more...

Se di notte, senza rendervene conto, vi alzate e mandate sms con il cellulare, siete affetti da “sonnambulismo testuale”, una patologia scoperta dalla professoressa di infermieristica Elizabeth Dowdell, della Villanova University di Philadelphia.
“Ci sono fidanzati e fidanzate sonnambuli che digitano 'mi manchi' ai loro partner” ha spiegato la professoressa, anche se la maggior parte dei testi sono frasi incomprensibili. Alla lunga può dare seri problemi. Di salute, di reputazione e di credito telefonico.
(Fonte: Lastampa.it)

Published in SALUTE
Written by
Read more...

“Al Policlinico-Ove di Catania il cuore si cura con il Paracadute”. Se sopravvivi al salto la cardiopatia coronarica dovrebbe passare...
(Fonte: Ansa)

Published in SALUTE
Written by
Read more...

Arriva dall'Ohio, Stati Uniti, un rimedio naturale contro il raffreddore, il mal di gola e la tosse: l'Influenza Sorbet, un gelato. E' a base di limone e arancia, ricchi di vitamina C, ginger e pepe di cayenna, antinfiammatori, miele e pectina liquida, calmanti e whisky, per dimenticarsi di essere ammalati.
(Fonte: Yeslife)

Published in SALUTE
Written by
Read more...

Lo so, è una brutta storia, le cavie da laboratorio, usate per valutare la tossicità di una sostanza, oltre al dispiacere mi fanno anche molta rabbia.
Possibile che la ricerca non abbia ancora trovato un metodo valido e affidabile “in vitro”, cioè effettuato su cellule coltivate in laboratorio e non più “in vivo”, cioè su esseri viventi?
Comunque, è l'industria farmaceutica quella maggiormente responsabile di tali test.
Infatti un farmaco prima di poter essere immesso sul mercato ha bisogno di molti anni di studi, non solo per valutarne l'efficacia, ma soprattutto per scongiurarne la pericolosità (e nemmeno ci riesce sempre).
Molti staranno pensando anche ai prodotti cosmetici, in che modo vengono testati?
Siamo invasi da flaconi con disegni di coniglietti e scritte tipo “cruelty free” o “prodotto non testato su animali”, ed è qui che nasce la confusione e l'errore.
Per determinare la sicurezza di una crema o un rossetto non si fanno test sugli animali in Europa.
Esiste un articolo di Legge compreso nel "Regolamento Europeo Cosmetici" (REGOLAMENTO CE n. 1223/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 novembre 2009 sui prodotti cosmetici).
Tale regolamento è entrato in vigore dalla data di pubblicazione e terminerà il suo iter nel 2013.
(Un Regolamento è diverso da una Direttiva, quest'ultima infatti deve essere recepita nell'ordinamento nazionale mentre il regolamento entra immediatamente in vigore senza alcun recepimento.)
L'articolo sulla sperimentazione animale è il n°18 ed è molto chiaro in proposito:
“è vietato sperimentare i prodotti cosmetici finiti e gli ingredienti cosmetici sugli animali (divieto di sperimentazione) e immettere sul mercato comunitario prodotti cosmetici finiti e ingredienti, presenti nei prodotti cosmetici, che sono stati sperimentati su animali (divieto di commercializzazione)”.

Quindi nessuno all'interno della Comunità Europea può testare il suo cosmetico su cavie perché sarebbe fuori legge!
E dunque scrivere “cosmetico non testato su animali” non è un valore aggiunto di quel particolare prodotto o di una determinata azienda. Sembra più una trovata del marketing, tipo “specchietto per allodole”, che punta ad attirare il consumatore sensibile e animalista.
In pratica sarebbe come voler specificare una cosa ovvia, allora potrebbero anche scrivere “cosmetico preparato con acqua umida”...
Ne consegue che tutti i produttori di cosmetici, sia quelli sensibili all'eco-bio, che quelli che utilizzano sostanze non dermocompatibili, petrolati o siliconi, sono sullo stesso piano da questo punto di vista, con o senza “coniglietti” sull'etichetta.
Recentemente (dicembre 2012) anche la Cosmetics Europe, che rappresenta l'insieme dei produttori europei di cosmetici (ed è una fonte molto autorevole ) si è espressa sulla questione.
Ha preso una posizione ufficiale contro il claim “cruelty free”, ritenendo sia necessario rimuovere tali etichette perché “misleading” ovvero ingannevoli (questo è l'articolo)
Secondo la Commissione Europea, l'indicazione sulla confezione che il prodotto è stato sviluppato senza fare ricorso alla sperimentazione animale è consentita, ma si deve DIMOSTRARE che le materie prime NON siano state sottoposte a tali test dalla ditta che le vende ma ANCHE da tutte le altre ditte.
E questo dubito che qualcuno possa scriverlo...
E già...
Perché la realtà è che TUTTE le sostanze chimiche presenti sul mercato e utilizzate per creare prodotti di vario genere (cosmetici, detersivi, colle, vernici, ecc.) sono state testate almeno una volta su animali.
Anche quelle più ecologiche e biodegradabili, tranne i "derivati vegetali non sottoposti a trasformazioni chimiche".
Certamente tali test non sono fatti dalle aziende che producono poi i prodotti che le contengono e nemmeno dai loro fornitori.
Però qualcuno, almeno una volta, anche molti anni fa, lo ha fatto, altrimenti non sarebbero sostanze commercializzabili perché non sono ritenute sicure. Lo si può vedere anche dalle “scheda di sicurezza” che una materia prima deve necessariamente possedere per essere messa in vendita, in cui compaiono le informazioni tossicologiche (es. c'è il test di tossicità acuta, il DL50, che prevede la somministrazione della sostanza fino a quando muore "solo" il 50% della popolazione animale).
La Direttiva CE del 2006 chiamata REACH (Registration, Evaluation and Authorisation of Chemicals) prevede che TUTTE le sostanze immesse sul mercato debbano essere testate conformemente a quanto stabilito dall'Unione Europea, utilizzando tutti i test disponibili sia in vitro sia su animali, qualora non vi siano altri test validati per poterli sostituire. L'ECVAM (European Centre for tha Validation of Alternative Methods) è l'ente preposto per convalidare metodi alternativi alla sperimentazione animale.
Attualmente, gli esperimenti per i quali non ci sono ancora metodi alternativi in vitro sono quelli concernenti la tossicità da uso ripetuto, la tossicità riproduttiva e la tossicocinetica, ma il periodo di attuazione è limitato all’11 marzo 2013 e questa, se non ci saranno rinvii, mi sembra una buona notizia!
A questo punto molti di voi potranno pensare: se uso solo prodotti di vecchia formulazione, non incrementerò la sofferenza animale.
Secondo me questo non è molto logico. Magari quelle “vecchie” sostanze usate sono altamente inquinanti. Se si hanno a cuore gli animali questo comprende tutti gli animali, anche gli organismi acquatici e noi umani suppongo! Personalmente credo che la ricerca di nuove molecole vada sempre sostenuta. Potrà creare sostanze maggiormente biodegradabili o dermocompatibili. E' grazie alla ricerca che adesso abbiamo nuove molecole di sintesi molto meno impattanti sull'ambiente!
Ritengo che la normativa sui cosmetici sia molto interessante, perché affronta il problema dei test su animali ed è volta alla loro soppressione, quindi le lotte animaliste hanno dato qualche frutto!
Spero sia altrettanto chiaro che questo mio discorso non vuole certo sminuire il grande lavoro che fanno le grandi associazioni animaliste e antivivisezioniste, ci mancherebbe!
Sono assolutamente a favore delle iniziative per eliminare le sofferenze degli animali in tutti gli ambiti!
Però a me non piace essere presa in giro, e tanto meno, nascondermi dietro un coniglietto nella scelta di un cosmetico...

Per approfondire:
http://www.salute.gov.it/cosmetici/paginaDettaglioCosmetici.jsp?id=160&menu=sperimentazione
http://www.salute.gov.it/sicurezzaChimica/paginaMenuSicurezzaChimica.jsp?menu=reach&lingua=italiano
Biodizionario: Cosmetici e prodotti biodegradabili

Published in MAMMA CHIMICA
Written by
Read more...

Secondo uno studio giapponese dell’Istituto Nazionale di Scienze Radiologiche (NIRS) masticare chewing gum aumenta le facoltà mentali di pensiero e attenzione, velocizza i tempi di reazione e favorisce le performance del cervello. Certo, bisogna averne uno...
(Fonte: Lastampa)

Published in SALUTE
Written by
Read more...

 Ads

Iscriviti alle newsletter di CACAO

E' gratis! Inserisci il tuo indirizzo e-mail nei box qui sotto
 
Iscriviti a Cacao Il Quotidiano delle buone notizie comiche

Iscriviti - cancella



Iscriviti a Cacao della domenica


Iscriviti - cancella

 

 

Leggi la Privacy

People For Planet

Vacanze benessere!

I Video di Alcatraz Channel

Tutti i video della Libera Università di Alcatraz

Comitato Nobel per i disabili Onlus

Nuovo Comitato Il Nobel per i Disabili Onlus
FAI UNA DONAZIONE AL COMITATO

Bonifico Bancario - Vaglia Postale

Ecovillaggio Solare di Alcatraz

 Ecovillaggio Solare di Alcatraz
Vicino ad Alcatraz, in Umbria, stiamo costruendo un ecovillaggio immerso in una valle meravigliosa, silenziosa e incontaminata. Scopri qui il progetto

SITI AFFILIATI AL NOSTRO CIRCUITO

Cacao - Quotidiano di buone notizie comiche:
www.cacaonline.it

Merci Dolci srl:
www.commercioetico.it
www.mercidolci.it
www.energiaarcobaleno.com

Eleonora Albanese:
www.eleonoraalbanese.it

Cacao è una testata giornalistica regolarmente registrata presso il Trib. di Perugia Aut. n° 634 del 21/06/1982
Redazione:
Jacopo Fo, Simone Canova, Gabriella Canova, Maria Cristina Dalbosco
E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Domain Register: Associazione Cacao Libera Università di Alcatraz, S. Cristina di Gubbio 53, 06020 (PG) - PI: 00729540542